Ispirazioni metropolitane

Home » 2015 » giugno

Monthly Archives: giugno 2015

Intervista a Laura (Dama con il Cappello)

Proprio a pochi giorni dall’uscita del suo nuovo sito ecco a voi l’intervista alla mitica Laura del blog Racconti dal Passato.

Prendete pop corn e bibita analcolica scura che fa impazzire il mondo e gustatevi la sua intervista.

Domande Generiche sul blog

Ci puoi descrivere brevemente (massimo 5 righe) di che tratta il tuo blog e perchè l’hai creato e quali sono i tuoi obiettivi attuali?

Ho creato il blog perché mi piace scrivere e volevo pubblicare dei romanzi a puntate, in più desideravo condividere la mia passione per l’Epoca Vittoriana e ho pensato che fosse carino aggiungere articoli esplicativi sull’epoca. Dopo un po’ di tempo ho deciso di condividere un po’ di me stessa perché ti aiuta a instaurare un rapporto più vero con chi ti segue. Il mio obiettivo? Mi piacerebbe trovare dei lettori fissi che amino cosa scrivo e come lo scrivo, quando ami scrivere il lettore è la parte più importante del processo, (per me), sapere che qualcuno viene a leggere e apprezza mi da una grande gioia.

Pensi che il tuo blog sia interessante agli occhi degli altri? In caso affermativo, perchè?

Penso sia interessante per chi condivide lo stesso tipo di interessi o è affascinato dall’epoca di cui parlo.

Perchè secondo te c’è gente che segue il tuo blog piuttosto che uno simile al tuo?

Sarò onesta e non modesta, credo per la mia personalità, penso che tutti possiamo scrivere un post sull’arte del ventaglio o sulla storia del profumo, basta documentarsi, la difficoltà sta nel renderlo interessante per chi legge, nel metterci la propria personalità.

Per te il blog ha un potenziale minore o maggiore rispetto a un vlog (video blog)?

Raggiungono persone diverse, vi sono blog che hanno più successo di vlog e viceversa, a volte con i video sembra esserci più contatto diretto con la persona che lo carica perché la vediamo mentre parla, conosciamo la sua fisionomia, però c’è anche da considerare che il mistero che si cela dietro un post ha il suo fascino, idealizzi una persona, la immagini come vuoi.

Quando leggi degli articoli che non ti piacciono proprio o che esprimono pareri completamente discordi dai tuoi come ti comporti?

Dipende da che argomenti e dal rapporto che ho con la persona che lo scrive, se è una persona con cui non vi è nessun tipo di confidenza di solito sorvolo ignorando, se diventa pesante defollowo, ho poco tempo per me stessa e non ne ho da perdere con inutili flame sterili sul web. Se è una persona che conosco e con cui ho un rapporto cerco di confrontarmi per comprendere la sua idea, senza mai litigare o scadere nella volgarità o nel voler aver ragione per forza.

Cosa ne pensi dei blogger che cercano di guadagnare vendendo e promuovendo i propri prodotti attraverso il blog?

Che se sono capaci a farlo nel modo giusto e non fregano nessuno fanno bene. Ormai il lavoro dobbiamo inventarcelo, sapersi reinventare e trovare un modo per guadagnare qualcosa è un grande dono, tanto di cappello a chi ci riesce bene, ovviamente solo se stiamo parlando di persone oneste e che non vendono “fumo”. Io stessa quando ero disoccupata vendevo le mie creazioni in fimo tramite FB, ebay ecc.

Quanto racconti di te sul blog?

Non ho limiti né minimi né massimi, cerco di non uscire troppo fuori dal seminato e di non fare spam eccessivo per non disturbare chi segue il blog solo per gli articoli a tema.

Come mai non hai paura di esternare al mondo di internet i tuoi sentimenti? Ti senti sicura qui?

Per raggiungere le persone bisogna “darsi davvero” chi non lo fa difficilmente arriva davvero al cuore di chi legge, detto questo di solito dico cosa penso e non ho paura di scriverlo, non è questione di sicurezza.

Domande Generiche sulla vita reale

Hai tanti rapporti sociali o sei una persona tipicamente solitaria?

Sono entrambe le cose a seconda del momento e di chi mi circonda. Sono una persona con cui è facile parlare, difficilmente qualcuno, anche conoscendomi poco, non mi racconta i fatti suoi. Sono quasi sempre di compagnia, anche se esco con persone appena conosciute non mi pongo mai il problema tipo: “cosa farò? Cosa dirò? E se non mi parla nessuno?” Posso non piacere perché parlo troppo, ma difficilmente qualcuno mi trova antipatica.

Cosa fai di solito con le persone che frequenti?

Vado a mangiare fuori o li invito a mangiare a casa mia, cinema, mi piace molto andare a bere il tè da qualche parte e chiacchierare con un’amica speciale, guardare film insieme anche a casa.

Come occupi il tuo tempo durante la tua giornata?

Pur essendo una persona estremamente socievole ho bisogno di stare anche da sola per ricaricare me stessa, gioco con i miei furetti, leggo, scrivo, guardo film.

Quale ostacolo della vita di tutti i giorni ti preoccupa di più?

L’incertezza finanziaria.

Una persona per conquistarti (non per forza come marito/compagno) che caratteristiche deve avere?

Non deve piangersi addosso in continuazione, deve avere opinioni forti e decise ed avere il coraggio di farmele conoscere.

Prima di morire qual’è la cosa che vorresti assolutamente fare? (vale anche se l’hai già fatta)

Pubblicare almeno un libro con un editore degno di questo nome.

Quanto sei contenta della vita che conduci e che hai condotto fin ora?

Non ho niente di cui lamentarmi davvero, ho una casa, un lavoro, un fidanzato che nonostante siano passati 9 anni mi ama sempre e me lo dimostra, ciononostante a volte desidererei potermi mantenere facendo ciò che amo e non dover fare “per forza” qualcosa perché mi servono i soldi. Detto questo non oso lamentarmi del mio lavoro, né del tipo di lavoro né dell’ambiente, semplicemente vorrei fare una cosa che amo, non voglio dire che quello che faccio faccia schifo, anzi, né essere ingrata, ho tanto di cui ringraziare rispetto a persone che conosco e situazioni di cui leggo.

 Saluti finali

Porgi un saluto ai tuoi lettori

Grazie a tutte le persone che hanno voglia di leggere quello che ho da dire, soprattutto grazie dell’apprezzamento dimostrato per cosa scrivo e come lo scrivo.

Groviglio

groviglio

immagine presa dal web


Regole da infrangere, strade interrotte,
il cervello,
un buio antro, claustrofobiche grotte.

Testa stordita da aghi e percosse,
paura di
allontanarsi dalle strade percorse.

By Cix79 me medesimo

Summer Tag 2015

summer-tag-2015

In questi giorni ho ricevuto questo bellissimo Tag e ringrazio i Blog per la nomination

https://lozuccheronelcaffe.wordpress.com/2015/06/16/e-il-faceto-summer-tag-2015/

https://dolceesalatosenzaglutine.wordpress.com/2015/06/15/summer-tag-2015/

che ringrazio tanto

L’ideatrice di questo Tag è Iriseperiplo

Le regole da seguire per questo Tag sono:

1) Citare il Blog che ha creato il Tag e quello che vi ha nominati
2 )Inserire come immagine principale quella che vedete quì sopra
3) Nominare 5 Blog e avvisarli di averli taggati
4) Raccontare le vostre preferenze estive,iniziando con abiti,calzature
creme solari,piatto estivo ed il gelato preferito
5) E per ultima la vostra canzone dell’estate per Eccellenza.

Inizio ora a rispondere al punto 4 🙂

D’estate uso se posso “pinocchietti” e magliette pseudo aderenti (prima che mi si formasse la pancetta sembravano meglio 😀 ma sto lavorando “duramente” per ridurla di nuovo). Altrimenti jeans o pantaloni lunghi.
Scarpe rigorosamente chiuse, non amo per niente le infradito!

Creme solari parto con la 8 per qualche giorno per poi eliminarla del tutto.
Come piatto estivo ovviamente l’insalata di riso che condisco con wurstel a rondelle cotti, pomodori a pezzettini, caroselli, olive, capperi, carote a pezzetti e origano. E poi le immancabili friselle serali. Il gelato invece.. bacio e pistacchio di solito, ma quando c’è da dissetarsi gusto limone tutta la vita!

Come canzone invece… non mi ricordo come si chiama quella che ho in mente (straniera) quindi dico questa

Ora nomino i 5 Blog

https://ilmioblogpercaso.wordpress.com/

http://caterinarotondi.com/

https://undentedileone.wordpress.com/

https://annusalaria.wordpress.com/

https://pensierisparsidiunapsicopatica.wordpress.com/
e chiunque lo voglia fare 🙂

Buona estate a tutti.. ma soprattutto a tutte 😀 ❤

Intervista a Natadolce

Oggi è il turno di Natadolce, una delle due menti che hanno organizzato e scrivono nel blog le due cucine, un blog che seguo sin dai miei primi passi qui dentro. Buona lettura

Domande Generiche sul blog

Ci puoi descrivere brevemente (massimo 5 righe) di che tratta il tuo blog e perchè l’hai creato e quali sono i tuoi obiettivi attuali?

– Il blog che condivido con mio cognato, come si deduce dal nome, parla di ricette di cucina. E’ stato proprio mio cognato a coinvolgermi (anche se un pensierino ce l’avevo fatto pure io da un po’ di tempo) e, dopo qualche titubanza, mi sono lanciata in quest’avventura, anche perché avevo voglia di fare un’esperienza nuova. Il mio obiettivo è di trovare delle idee per migliorarlo sempre più.

Pensi che il tuo blog sia interessante agli occhi degli altri? In caso affermativo, perchè?

– Più che pensarlo, lo spero…anche perché cerco di condividere non solo ricette, ma anche pensieri, emozioni, momenti della vita quotidiana…

Perchè secondo te c’è gente che segue il tuo blog piuttosto che uno simile al tuo?

– Perché vi si possono trovare ricette varie, alcune più semplici, qualcuna più complessa, spiegate, spero, in maniera chiara. Inoltre, penso di trasmettere anche la passione con cui realizzo i vari piatti, soprattutto le torte (perlomeno è la mia intenzione!).

Per te il blog ha un potenziale minore o maggiore rispetto a un vlog (video blog)?

– Beh, sicuramente i video possono aiutare molto a capire un determinato argomento. Per esempio, parlando di una torta, il procedimento da seguire per fare una decorazione lo si potrà capire meglio “vedendolo” piuttosto che “leggendolo”. Infatti, tra i progetti per il futuro, c’è proprio quello di inserire dei video.

Quando leggi degli articoli che non ti piacciono proprio o che esprimono pareri completamente discordi dai tuoi come ti comporti?

– Sicuramente non metto il “mi piace” perché penso che sarebbe ipocrita e, se è il caso, cerco di spiegare i motivi del mio disaccordo. Del resto, penso che anche in questi casi ci possa essere un confronto (e meno male, altrimenti, che noia se tutti la pensassimo allo stesso modo!)

Cosa ne pensi dei blogger che cercano di guadagnare vendendo e promuovendo i propri prodotti attraverso il blog?

– Personalmente, penso che se si vogliono vendere dei prodotti, la cosa più appropriata sarebbe aprire un sito commerciale. Comunque, la cosa ci potrebbe pure stare purchè resti discreta, non diventi, come dire, invadente.

Quanto racconti di te sul blog?

– Un po’ ho risposto anche prima a questa domanda. Nei miei articoli, cerco di mettere molto di me, anche perché penso sia un po’ anonimo scrivere semplicemente delle ricette, ma sia più interessante cercare di far conoscere la persona che sta dietro. Ovviamente, capita anche a me di scrivere solo la ricetta, con qualche riga introduttiva, come a volte, al contrario, la ricetta diventa la scusa per raccontare qualcosa di me.

Come mai non hai paura di esternare al mondo di internet i tuoi sentimenti? Ti senti sicura qui?

– Diciamo che ovviamente, non racconto proprio tutto di me, molti pensieri, emozioni, ricordi ecc.. sono e resteranno solo miei (anche volendo, non riuscirei a descriverli). Per quello che racconto di me nel blog, non penso ci sia qualcosa di cui aver paura.

Domande Generiche sulla vita reale

Hai tanti rapporti sociali o sei una persona tipicamente solitaria?

 – Mi piace stare con gli altri, ma riesco a stare bene anche da sola. Diciamo che sto in una via di mezzo.

Come occupi il tuo tempo durante la tua giornata?

Nel tempo libero durante la giornata (che, a volte, è veramente poco dovendo badare alla casa, al marito e a tre figli) mi piace rilassarmi facendo qualche lavoretto manuale (uncinetto, punto croce, cucito), leggendo, dedicandomi un po’ al giardinaggio…

 Quale ostacolo della vita di tutti i giorni ti preoccupa di più?

– Sicuramente eventuali problemi di salute (soprattutto perché ultimamente se ne vedono proprio di tutti i colori)

 Una persona per conquistarti (non per forza come marito/compagno) che caratteristiche deve avere?

. Deve essere una persona simpatica, che riesce a trasmettere allegria e ottimismo agli altri ma anche essere seria quando la situazione lo richiede. Non sopporto le persone che si vantano eccessivamente e quelle che si lamentano troppo.

 Prima di morire qual’è la cosa che vorresti assolutamente fare? (vale anche se l’hai già fatta)

– Mi piacerebbe girare un po’ il mondo, visitando quanti più posti possibile.

 Quanto sei contenta della vita che conduci e che hai condotto fin ora?

– Ti dirò che fin da piccola il mio ideale di vita era: sposarmi, avere tre figli e trovare un lavoro che mi piacesse. Ho realizzato due cose su tre, quelle tra l’altro per me più importanti, quindi in conclusione…sono MOLTO contenta della vita che conduco

 Saluti finali

Porgi un saluto ai tuoi lettori

Un abbraccio a tutti colori che sono passati, passano e passeranno a visitare il mio blog e leggere i miei articoli.

Aforisma – I Pensieri

I pensieri sono come le zanzare, appena ti addormenti prima ti pizzicano e poi ti tormentano..

Oltre il Vegan c’è di più

Adoro mangiare. Adoro mangiare tutto senza pormi particolari limiti; gli unici che mi impongo sono quelli affermati dal mio gusto e dai miei principi (non mangio carne umana per fare l’unico esempio che mi viene in mente :D).
In questi ultimi anni è nata una “battaglia” tra gli onnivori e i vegetariani. Tra ricerche ed una notevole pubblicità mediatica c’è da dire che il numero di vegetariani nel mondo è in forte crescita.

Ma si sa, l’uomo non si ferma mai dinanzi a niente. E così, dopo un po’, è nata una costola ancora più estremista dei vegetariani, ovvero i vegani.
Ma si sa, l’uomo non si ferma mai dinanzi a niente. E così, dopo un po’, è nata una costola ancora più estremista dei vegani… e ora vi cito alcune informazioni a riguardo.

Fruttariani e Fruttarismo
Il Fruttarismo nasce dalla necessità di non uccidere. Ne gli animali, ne le piante che servono a diffondere i semi e far crescere la frutta.
Il fruttariano quindi durante la sua vita si ciba soltanto ed unicamente di frutta affermando di non aver bisogno di altro per vivere. Qui la pagina facebook italiana del gruppo
https://www.facebook.com/groups/114954825371731/?fref=ts
che conta più di 1000 iscritti.
Leggendo un po’ in giro ci sono anche frange di fruttariani che non accettano tutti i tipi di frutta ritenendone alcuni tipi acidi e cancerogeni per l’organismo.

Melariani e Melarismo
Una ulteriore branchia del Fruttarismo è il Melarismo.
I melariani non sono altro che persone che mangiano durante la loro vita soltanto mele! Indiscrezioni dicono che i veri melariani ne mangiano solo una al giorno per essere a posto per tutta la giornata. Nonostante questo poche informazioni si trovano in rete, ma qualche pagina facebook italiana in merito comincia a nascere.

Oltre a queste frange ne ho trovate altre di diverso genere che ora vi cito.

Locavori
Sono coloro che si nutrono solo di cibo locale, prodotto nel raggio di 180km circa. I locavori non sono per forza vegetariani, l’importante è il rispetto del chilometraggio di produzione.

Freeganismo
E’ una corrente nata per uno stile di non consumo che si basa sulla decrescita felice. Da wiki:
I freegani abbracciano la comunità, la generosità, il problema sociale, la libertà, la cooperazione, e la condivisione rispetto a una società basata sul materialismo, l’apatia morale, la competizione, la conformità e l’avidità.
Questo stile di vita consiste nel recuperare gli scarti, soprattutto nel prendere il cibo in scadenza dai supermercati, i quali lo butterebbero senza averlo venduto.

Paleodieta
E’ una corrente dove si afferma che bisogna ritornare alle origini e mangiare come si faceva nel periodo del Paleozoico. Da wiki:
Secondo i propugnatori della paleodieta recente, la corretta alimentazione si dovrebbe basare su cibi che erano reperibili prima dello sviluppo delle tecniche agricole, cioè su prodotti di “selvaggina” di ogni tipo, specialmente midollo, cervella, frattaglie, sangue di mammiferi (la muscolatura, si sostiene, veniva consumata solo se non c’era altro), pesce, crostacei, rettili, vermi, bachi, insetti, uccelli, uova, bacche, frutti, miele, vegetali appena spuntati, radici, bulbi, noci, semi, eccetera.
Si dovrebbe comunque definire se si tratta di alimentazione prevalentemente di raccolta e preparazione culinaria di insetti e rettili (ramo tropicale sudamericano), di caccia e pesca eschimese o di bruchi, rettili e bulbi del ramo australiano, od altro.

Breathariani
Ed ecco i miei preferiti, i breathariani. Da breath che in inglese significa respiro, i breathariani o i respiriani affermano, senza aver mai dato prove di ciò, di poter vivere senza mangiare (e a volte anche senza bere). Loro si nutrono di aria ed energia positiva che il mondo ci dona. Tuttavia l’unico esperimento televisivo fatto sulla più famosa breathariana conosciuta al mondo finì male e la trasmissione fu interrotta dai medici per “rischio di morte” della partecipante. Ovviamente grande scetticismo gira intorno a questo stile di vita.

Voi cosa pensate a riguardo? Io continuo a gustarmi alla grande tutto quello che il mio palato accetta senza fare distinzione tra carne, pesce, verdura o frutta.
E senza offesa per nessuno ritengo alcune di queste modalità o scelte di vita delle cagate pazzesche.. ma si sa, ho la mente chiusa e il cervello piccolo, non posso comprendere tutto, ho dei limiti!

Buona giornata a tutti 🙂

Imparo a conoscere i cibi #2

Dopo aver imparato a conoscere alcuni componenti culinari come il Lemon grass, la Pastinaca, il Topinambur, il Foie Gras e la Ratatouille in questo post https://cix79.wordpress.com/2015/04/03/imparo-a-conoscere-i-cibi/
oggi impareremo qualcos’altro relativo alla cucina di elite che ci propongono in molti programmi televisivi. Nella cucina tradizionale della mia famiglia questi ingredienti o preparazioni non li ho mai neanche sentiti nominare, figuriamoci se ho avuto il piacere di assaggiare qualcosa del genere!

Ma ora cominciamo:

Cardamomo
Il cardamomo è una spezia. Il nome indica propriamente la Elettaria, una specie di pianta tropicale
Il frutto si presenta come una capsula contenente tanti piccoli semi di colore marrone-nero. I semi sono utilizzati come spezie, ma poiché perdono molto rapidamente il proprio aroma, comunemente viene conservata e commercializzata l’intera capsula, generalmente essiccata. Al momento dell’uso, la capsula viene rotta e i semi utilizzati sciolti o macinati.
In cucina è molto utilizzato come aroma nella preparazione del caffè alla turca, del caffè arabo e del tè iraniano

Aneto
L’aneto è una pianta erbacea dai piccoli fiori.
L’aneto è coltivato come pianta da condimento. Le foglie e i semi sono molto aromatici. Si avvicina al finocchio per il suo odore e le sue proprietà, da ciò i suoi nomi di: finocchio bastardo, finocchio fetido e finocchio rizu. È una spezia molto utilizzata in Germania, nell’Est Europeo e in Scandinavia, e anche in India e in numerosi altri paesi del mondo, prevalentemente in piatti a base di pesce.

Vinegrette
Per vinaigrette si intende una miscela di sale, olio e aceto. Viene utilizzata come condimento per insalate, piatti di verdure crude o cotte e alcune varietà di pesce.
Le esatte quantità per la preparazione di una vinaigrette variano a seconda dei gusti. In generale si prepara con 2/3 di olio e 1/3 di aceto e l’eventuale aggiunta degli altri ingredienti secondo il gusto personale. (ed io che pensavo fosse una cosa super sofisticata)

Curcuma
La curcuma è una pianta che ha 80 specie differenti. La spezia più utile è la Curcuma longa o zafferano delle indie (molto spesso indicata come curcuma senz’altre precisazioni). Il vivace colore giallo della radice polverizzata viene utilizzato come colorante alimentare del tutto innocuo.
Le radici polverizzate giallo-ocra della curcuma sono l’ingrediente principale del curry.

Raspadura
(No, maliziosi che non siete altro, non è quello che pensate!)
La raspadüra è un modo di servire il formaggio grana presentandolo come sottilissime sfoglie, raschiate con un particolare coltello da una forma di Tipico Lodigiano oppure di Grana Padano giovane, stagionato dai quattro ai sei mesi.

Buon mercoledi a tutti 🙂