Ispirazioni metropolitane

Home » Posts tagged 'Conoscersi'

Tag Archives: Conoscersi

Riflessioni su House of Cards

Nessuno Spoiler è presente in questo articolo!

maxresdefault

(immagine presa dal web)

 

Ieri parlavo al telefono con un’amica e tra le molte cose discusse ad un certo punto lei mi chiede: “Non capisco perchè vi piaccia tanto sto House of Cards”.

A telefonata conclusa ci ho pensato e la risposta l’ho trovata semplice, quasi banale.

House of Cards piace perchè rappresenta l’immaginario che noi abbiamo rispetto a ciò che succede in politica. Ci mostra quello che potrebbe essere uno spaccato di vita reale.

Il romanticismo e l’idealismo viene completamente disintegrato per far spazio agli interessi personali, senza limite alcuno.
Ingenuità, speranze e buoni propositi sono dilaniati dal desiderio di potere, dall’ego e dalla voglia di arrivismo.
Mille modi vengono studiati, mille tele vengono disegnate per aggirare o controllare la legge e per farla franca.
In pratica viene crudamente rappresentato quello che noi comuni cittadini pensiamo accada tutti i giorni sulle poltrone dei palazzi che contano.

House of Cards piace perchè è il cattivo a farla franca e non la giustizia; è una novità, un nuovo modo di raccontare che azzanna alla gola le storie buoniste e con lieto fine che imperversano sul piccolo schermo.

House of Cards piace perchè gli attori sono formidabili e credibili.

House of Cards piace perchè l’inaspettato ed il colpo di scena è sempre dietro l’angolo.

House of Cards piace perchè libera sadicamente lo stronzo che è in ognuno di noi, la nostra parte nera che spesso e a ragion veduta viene repressa dalla parte bianca.

 

Nasci, cresci, invecchi… Torna bambino!

I neonati piangono, ruttano, cagano davanti a tutti senza farsi problemi. Piangono quando hanno fame, urlano quando vogliono ottenere qualcosa e ridono quando le persone davanti a loro li fanno divertire.
Il vero istinto primordiale, fare quello che si vuole senza alcun freno.
Quando son piccoli ma parlano ti dicono le cose in faccia così come le vedono con i propri occhi. Ti dicono se sei grasso, simpatico, alto o basso, se fai paura o se sei un loro amico! Il vero istinto primordiale, dire quello che si vuole senza alcun freno. Il bello è che tu, adulto, puoi anche ricevere delle critiche ma se non sei permaloso, neanche te la prendi, lo trovi un comportamento simpatico e ci fai su una bella risata. Se la stessa cosa la facesse un altro adulto come minimo lo manderesti a quel paese.

FANTASTICO!

Il neonato poi cresce; con la scuola e attraverso l’educazione dei propri genitori vengono imposti i primi paletti, le prime regole da seguire. Non dire parolacce, non trattare male le persone, non urlare. Non ti sporcare, non ti fare male, stai attento alle macchine quando attraversi la strada, non accettare le caramelle dagli sconosciuti.
Lavati i denti la sera, non fare il bagno dopo mangiato, non bere acqua fredda quando si è sudati. Verità, cose giuste, ottimi consigli, ma limiti. Limiti tuttavia ancora gestibili.
Il bambino cresce ancora e frequenta le scuole medie e poi le superiori. Non fare scherzi altrimenti note sul registro. Qualche anno fa, quando la leva era obbligatoria, il ragazzo si faceva prima un anno di militare e poi cominciava a lavorare. Li i limiti diventano importanti, grossi ed impegnativi per il ragazzo. Tagliarsi la barba al mattino in maniera perfetta altrimenti punizione e guardie infinite senza poter uscire dalla caserma. Non rispondere al capo altrimenti ti mandano via a calci in culo e rimani senza soldi e lavoro. Non mandare a fanculo il tuo superiore perchè altrimenti lo dice al capo e torni al punto precedente, a casa e senza lavoro. Se non andavi al militare c’erano, per le ragazze ma anche per gli uomini, le colonie con insegnanti che sapevano come metterti in riga.

FANTASTICO!

Ma non finisce qui, c’è la società che inietta angosce e paure. Lava l’insalata con l’amuchina che altrimenti mangi veleni; non mangiare carne rossa che ti viene il cancro. Lavora 20 ore al giorno che altrimenti c’è chi ti toglie il lavoro e prende il tuo posto. Compra la macchina che altrimenti sei un pezzente, compra gli abiti firmati altrimenti non ti cagano di pezza. Diventa famoso e otterrai tutto, sii normale e non sarai nessuno.

FANTASTICO!

Poi si cresce ancora e ci si mette del proprio . Fai delle scelte, giuste o sbagliate che siano e qualcosa va fuori strada. Al posto dei campeggi che frequentavi da ragazzo ora preferisci gli hotel, ci si abitua alla comodità e al benessere. Senza cellulare non sai più stare.
L’educazione magari  ricorda ed impone di non fare sorprese, per paura di fare uno sgarro a chi la sorpresa la subirebbe e non l’accetterebbe.
Hai difficoltà ad usare i bagni pubblici perchè li si possono prendere le malattie più pericolose.
Non ci si tuffa di testa per paura di sbattere le testa sul fondale.
Non si prova a … per paura di …
La ragione ha preso il sopravvento sull’istinto.

FANTASTICO!

PAURA!

TERRORE!

Ragazzo/a, torna indietro se puoi, ritrova parte del tuo istinto, fai continuare a vivere il bambino che è in te. E’ di vitale importanza.

Torna bambino, goditi la vita fin quando puoi… prendi esempio da questi giovincelli che qualcosa sicuramente l’hanno capita, la sanno, e giustamente danno l’esempio.

18221627_393099817756343_3174131207951542352_n

18221868_393099637756361_4795829413339320246_n

18222326_393099601089698_2111999816419642764_n

18268634_393099524423039_2315998284487702571_n

18274755_393099884423003_3283086523205374222_n

18274979_393099691089689_9093899855128594044_n

18301391_393099531089705_1060986249729096264_n

18301535_393099927756332_2065254618035047908_n

(immagini prese dal web)

 

Non mi piaci

uffa-sono-stufo-di-aspettare-che-si-trucchi-per-uscire-248x300

“Non mi piaci perchè i tuoi addominali non assomigliano neanche lontanamente a quelli di Cristiano Ronaldo. E poi, guarda quei pettorali, che sei rachiticio?”.

“Non sei abbastanza perchè un po’ di ciccia ci vuole, tu sei secco. E le maniglie dell’amore dove sono finite?”.

“Ma scherzi? Sei troppo peloso, a me piacciono gli uomini depilati e ben curati”.

Per alcune donne non vai bene perchè “i capelli ricci mi attizzano e tu li hai lisci e corti”.

Per altre non vai bene perchè “non hai tatuaggi, sei poco maledetto, non ispiri sesso”.

 

Qualsiasi cosa tu faccia per essere “bello” risulterai sempre inappropriato .

 

“Bah!! Usi il bus e non hai il macchinone, la sera come mi vieni a prendere da casa e come mi riaccompagni?”.

“Guarda che pezzente, non vesti neanche firmato”.

 

Qualsiasi sia la tua somma di denaro in banca, qualsiasi saranno i tuoi “averi”, sappi che non basteranno mai.
Per non parlare poi di quelle ragazze che dicono “Non è abbastanza stronzo, si fa desiderare poco”.
Ma anche l’esatto contrario “Mi da poche attenzioni, che me ne faccio di uno così che non mi tratta come una principessa?”.

 

Qualsiasi sia il tuo carattere sappi che compirai comunque degli errori imperdonabili.
E diciamocelo, è meglio non parlare della lontananza. Ahhh maledetta lontananza.

E poi come per magia ci sono quelle donne che, come in un sogno, come in una favola da vivere ad occhi aperti, ti adorano per quello che sei realmente.

Ma si sa, quelle a cui tu piaci, non interessano minimamente a te.
Morale? #MaiUnaGioia  #SingleAVita

Pillole di Acidità #3

La parità tra i due sessi ormai è stata raggiunta! … ahahah!

Pillole di Acidità #1

Le dimensioni non contano… Si, Certo!!!

Italia – India #9

Ultimo post, almeno per ora, di questo format.

Parliamo sempre di una regione dell’India del Sud.
Quando si saluta una persona si usa la parola “Hi”; non si gesticola con la manina, non si usano baci ne abbracci, neanche in famiglia. Al massimo, come forma di rispetto verso i più grandi, si uniscono le mani e si china un po’ il capo ed il tronco; questo modo di fare  va comunque morendo.
Quando il mio amico torna dopo mesi o anni in patria, saluta i genitori con un “ciao” e cominciano a parlare come se nulla fosse, non ci sono momenti di contatto fisico. Solo da bambini ciò è “permesso”, quando si diventa grandi non si fa più.
Durante il compleanno non usano cantare la canzoncina Happy Birthday, sembra che non esista una canzone adatta da cantare durante l’anniversario del giorno di nascita.

Ecco alcuni dolci tipici da compleanno:

Barfy (latte, burro, zucchero, semola, mandorle)

20170213_111105

Soan Papdi (pistacchi, zucchero, ed altro ancora)

20170213_111109

Laddu (zucchero, farina di ceci, burro, semola, semi di melone)

20170213_111113

Alcuni di questi prodotti possono essere trovati anche in Italia 😉 I Laddu sono buonissimi!

Chiudo dicendovi che la cocacola è stata bandita, non può più essere venduta dai commercianti! Gli indiani ora possono tornare a bere bevande al gusto frutta prodotte in India.

Ciaoooo

Italia – India #8

Parliamo sempre di una regione dell’India del Sud.
Parliamo di sesso. Gli uomini non hanno problemi a fare sesso da giovani. Le donne invece tendenzialmente cercano di resistere ed aspettare il matrimonio, che comunque come ormai saprete, non avviene in tarda età.
Prima le famiglie generavano tanti figli mentre ora si sono molto occidentalizzati e la media è di massimo 2 figli a famiglia anche se ora il governo “consiglia” di averne soltanto 1.
Ho chiesto al mio amico: ma a te piacciono donne al di fuori dell’India? Lui ha risposto “Si, le ragazze latine, quelle in carne, ma non vanno bene per sposare. Per sposare preferisco Indiane”.

Come si suol dire.. Mogli e buoi dei paesi tuoi.