Ispirazioni metropolitane

Home » Posts tagged 'Tradizioni'

Tag Archives: Tradizioni

Domenica

Oggi è la domenica delle Palme.

Quando vivevo giù in Puglia con i miei genitori di solito si organizzava una bella mangiata da qualche parente, di solito da zia Mina ed a farne da padrone in tavola erano le immancabili orecchiette al sugo.

Settimana scorsa ho provato a fare per la prima volta la mia prima pasta fatta in casa, i ravioli.. sembrava tutto perfetto ma alla fine ho tirato la pasta troppo spessa ed è risultato tutto immangiabile ed ho dovuto buttare a malincuore tutto 😦

Questa settimana, in onore delle tradizioni e della mia voglia di rivincita verso la pasta fatta in casa, ho deciso di buttarmi sulla tradizione, su qualcosa che ho visto fare tante volte dalle mie amate nonne.

Ed allora faccio spazio sul tavolo, prendo la tavola di legno, la cospargo con un po’ di farina, preparo una coppettina d’acqua, prendo 200g di farina e giù ad impastare.

20170402_103924

Una volta pronta la pallozza, l’ho fatta un po’ riposare anche se secondo mia madre non ce n’era bisogno.

Subito dopo ho cominciato a fare i serpentini di pasta.

20170409_121804

Poi con il coltello e con il pollice giù a provare a fare la forma giusta.

20170409_12324120170409_123818

Ovviamente non sono perfette nella forma, è la mia prima volta, ma sono proprio soddisfatto di me stesso e del sapore che avevano, proprio buone.

Nel frattempo ho preparato un buonissimo sughetto con la conserva di pelati che ho preparato l’estate scorsa.

A cottura ultimata ho abbondantemente impiattato, ho aggiunto il cacio ricotta e la Domenica è diventata Splendida anche a Milano.

20170409_125357

 

Ciaoooo e a domani con il post del Lunedi

 

Libro – Mondoviaterra

Sto leggendo un Libro.
Si lo so, molti/e di voi diranno o penseranno: “Eh sticazzi!”. Oppure: “Ohhhh, sai che sforzo!”.
Ma non è questo il punto. Il libro che sto leggendo si chiama “Mondoviaterra” di Eddy Cattaneo.

9788807881725_quarta

Il libro parla del viaggio di questo ragazzo fatto in giro per tutto il mondo senza mai prendere aerei e senza avere una meta precisa esclusa la voglia di esplorare l’ignoto, ciò che lo circonda, come suggerisce il sottotitolo del mio blog.
Ho la fortuna di conoscere l’autore del libro di persona, lo vedo tutti i giorni essendo da qualche anno per sua fortuna un mio collega.
Io il libro ve lo consiglio, è un bel diario di viaggio scritto in maniera molto simpatica.
Dato che non sono bravo e non ho neanche voglia di fare recensioni di libri ho pensato che sarebbe stata una bella idea potergli fare una intervista.
Quindi se avete voglia di leggere il libro o se lo avete già letto, se avete delle domande da porgli giratemele che io le girerò direttamente a lui.

Come dicevo in un altro post è un anno di sperimentazione per questo blog, quindi mi voglio lanciare anche in questa esperienza. E se arriveranno un po’ di domande chissà
se non mi inventerò qualcosa di interessante e nuovo da farvi “gustare”!

Ecco la pagina Facebook del Libro
https://www.facebook.com/Mondoviaterra-122680374478827/?fref=ts

Ciaooo e buon venerdi

Risotto Zafferano e Salsiccia

Ieri, Sabato, ho cucinato il mio primo risotto.

In questo periodo sto sperimentando sapori e cucina nuova per me, gusti che vanno oltre i classici della mia tradizione del Sud Italia. Quindi mi sono deciso a preparare un risotto, piatto tipico del Nord Italia ed assaggiato solo un paio di volte in tutta la vita.

Come primo passo ho preparato in una pentola il brodo. Per renderlo saporito ho utilizzato 2 spicchi d’aglio, 3 foglie d’alloro, 2 pomodorini piccadilly, un po’ di cipolla e ci ho infilato dentro anche 2 pezzi di salsiccia.

Avendo tempo e non amando i prodotti già pronti ho evitato di usare i classici dadi da cucina.

1

Non appena l’acqua del brodo era vicina alla bollitura ho messo a soffriggere della cipolla e di seguito ci ho aggiunto la salsiccia

2

A rosolatura della salsiccia ultimata ci ho aggiunto la porzione di riso Arborio (per i risotti va bene anche il Carnaroli, ovvero quella tipologia di riso che non scuoce) e l’ho fatto tostare e sbianchire per qualche minuto fin quando i chicchi cominciavano a diventare lievemente trasparenti.

3

A questo punto ho aggiunto del vino bianco per insaporire il tutto e l’ho lasciato sfumare.

Una volta sfumato il vino ho aggiunto un paio di mestoli di brodo.

Nel mentre, in una coppetta, ho inserito un mestolo di brodo ed ho aggiunto una bustina di zafferano che ho diluito col cucchiaino.

4

Una volta assorbito il brodo ho aggiunto lo zafferano.

Di seguito fino a cottura ultimata del riso aggiungevo un mestolo di brodo e giravo il riso per non farlo appiccicare. Una volta assorbito il brodo ne aggiungevo un altro mestolo in padella e così via fino a cottura ultimata.

5

Durante la cottura ho insaporito il riso con l’aggiunta di un po’ di pepe e del sale.

Attenzione. Non salate troppo perchè durante la mantecatura finale il riso si insapidisce ulteriormente.

A cottura ultimata sono passato alla mantecatura aggiungendo 1 noce di burro e del parmigiano reggiano e del cacio ricotta (non avevo il grana, consigliato nella ricetta).

6

Una volta che il burro ed il formaggio si sono amalgamati alla perfezione al riso, ho spento i fornelli e ho fatto riposare il riso un paio di minuti prima di metterlo nel piatto e…

7

Che bontà, me so magnato tutto e ho fatto pure il bis!!

8

 

Ciaooooo

Italia – India #9

Ultimo post, almeno per ora, di questo format.

Parliamo sempre di una regione dell’India del Sud.
Quando si saluta una persona si usa la parola “Hi”; non si gesticola con la manina, non si usano baci ne abbracci, neanche in famiglia. Al massimo, come forma di rispetto verso i più grandi, si uniscono le mani e si china un po’ il capo ed il tronco; questo modo di fare  va comunque morendo.
Quando il mio amico torna dopo mesi o anni in patria, saluta i genitori con un “ciao” e cominciano a parlare come se nulla fosse, non ci sono momenti di contatto fisico. Solo da bambini ciò è “permesso”, quando si diventa grandi non si fa più.
Durante il compleanno non usano cantare la canzoncina Happy Birthday, sembra che non esista una canzone adatta da cantare durante l’anniversario del giorno di nascita.

Ecco alcuni dolci tipici da compleanno:

Barfy (latte, burro, zucchero, semola, mandorle)

20170213_111105

Soan Papdi (pistacchi, zucchero, ed altro ancora)

20170213_111109

Laddu (zucchero, farina di ceci, burro, semola, semi di melone)

20170213_111113

Alcuni di questi prodotti possono essere trovati anche in Italia 😉 I Laddu sono buonissimi!

Chiudo dicendovi che la cocacola è stata bandita, non può più essere venduta dai commercianti! Gli indiani ora possono tornare a bere bevande al gusto frutta prodotte in India.

Ciaoooo

Italia – India #8

Parliamo sempre di una regione dell’India del Sud.
Parliamo di sesso. Gli uomini non hanno problemi a fare sesso da giovani. Le donne invece tendenzialmente cercano di resistere ed aspettare il matrimonio, che comunque come ormai saprete, non avviene in tarda età.
Prima le famiglie generavano tanti figli mentre ora si sono molto occidentalizzati e la media è di massimo 2 figli a famiglia anche se ora il governo “consiglia” di averne soltanto 1.
Ho chiesto al mio amico: ma a te piacciono donne al di fuori dell’India? Lui ha risposto “Si, le ragazze latine, quelle in carne, ma non vanno bene per sposare. Per sposare preferisco Indiane”.

Come si suol dire.. Mogli e buoi dei paesi tuoi.

Italia – India #7

Parliamo sempre di una regione dell’India del Sud.
Anzi andiamo nello specifico, parliamo di un Indiano del Sud. Quando andava all’università il mio amico abitava in campagna e l’uni era in città. Per arrivarci coi mezzi ci metteva 2 ore a viaggio.
Si alzava alle 5 per partire alle 6. Alle 5 faceva la prima colazione non ufficiale mangiando uno “snack”; alle 8, appena arrivato in città faceva la colazione seria (all’inglese, tutta salata con uova, piadine, pollo, ecc..)
completata da un dolce. Alle 10 terza colazione non ufficiale. Alle 13 pranzo! Come prima fase si pappava quello portato da casa, poi andava in mensa e faceva il secondo pranzo.
Ora in Italia ha sempre fame e la sera per cena mangia razioni doppie rispetto al pranzo italiano che porta in ufficio. Per farvi capire la mole di cibo che mangia.. 500g di gelato al pistacchio lo mangia in una botta sola.
Quando ci ha invitato a cena, eravamo in 5 di cui 4 italiani ed ha preparato 5 kg di riso e 5 kg di pollo.
Ah si, in India del Sud il cibo, dopo 24 che è stato cucinato viene buttato. Entro le 24 è ancora “legale” mangiarlo.

Italia – India #6

Parliamo sempre di India del Sud.
Le mucche sono davvero animali sacri. Durante le feste vengono venerate, festeggiate; nei paesini di campagna scorazzano ancora libere, vanno dove vogliono senza che nessuno le possa fermare!
In città invece no, in città si sono occidentalizzati e certe pratiche non vengono più permesse.

Nei paesini di campagna inoltre c’è un’usanza molto particolare dedicata ai viaggiatori. Al di fuori di ogni casa, nei giardini o nella campagna o vicino le strade sterrate di passaggio, vengono adibite delle panchine molto lunghe dove qualsiasi passante può fermarsi per ristorarsi, mangiare, riposare o addirittura fermarsi per dormire la notte. Non ci sono grossi confort ma è cmq qualcosa e per di più gratis. Dopo tutto il clima non è un problema, ci sono sempre dai 25° in su e se ti vuoi fermare a dormire senza spendere e vi trovate in India del sud ora sapete dove farlo… se non avete paura dei malviventi 🙂

Italia – India #5

In India il matrimonio nei tempi moderni dura 1 giorno intero circa (prima eran 3). Si parte la sera con la cena, si procede poi con la colazione ed infine si chiude col pranzo.

Durante le 3 fasi, cadenzate dai pasti, vengono svolti svariati (ma molti molti eh) rituali.

Gli invitati di solito sono tra i 1000 ed i 1500 circa per la cena e poi si dimezzano per la colazione e il pranzo del giorno successivo dove sono presenti solo i parenti (la sorella del mio amico quando si è sposata aveva 1400 invitati di partenza di cui 600 parenti per le fasi 2 e 3). L’ora del matrimonio non è fissa ma è definita sempre dal famoso “calendario”;  può capitare che le coppie si sposino in qualsiasi ora del giorno o della notte (sempre alla sorella del mio amico è capitato alle 4 del mattino).

Il costo del matrimonio supera abbondantemente i nostri 50000 euro. A servire i vari pasti ora ci sono servizi di catering, ma anni fa erano le donne delle varie famiglie, che abitavano tutte nello stesso luogo, ad occuparsi di tale onere e quindi a dover cucinare per tutti gli invitati per tutti i giorni della festa.

Italia – India #4

In India ogni famiglia possiede un “calendario” fatto ad hoc per loro, una sorta di opuscolo di famiglia! Una curiosità di questo opuscolo è che in esso è segnata la data di morte futura di ogni componente attuale della famiglia.
A quanto pare spesso le date sono anche molto precise. Tale scrittura sacra è redatta da una sorta di Santone.. ma ultimamente sono nate anche delle agenzie che lo possono preparare. Certo, bisogna affidarsi ad Agenzie serie per farselo preparare, dopo tutto esistono tanti ciarlatani in giro, anche in India.

In pratica la famiglia paga ed il guru delle stelle redige tale documento. Anche in questo caso gli studi vengono basati su stelle e data di nascita dei componenti della famiglia.
Sta poi alla singola persona che ne fa parte decidere se leggere o meno il calendario; la famiglia, alla nascita di ogni figlio, lo fa preparare e lo tiene custodito in casa fino alla richiesta dello stesso. Per saperlo leggere e decifrare servono dei piccoli studi per capirne bene il significato.

Italia – India #3

Ritorniamo con lo scambio culturale e di tradizioni.

Oggi ci occupiamo del matrimonio.

 

In India le famiglie scelgono le fidanzate o i fidanzati dei propri figli rivolgendosi a delle entità simili ad agenzia matrimoniali le quali verificano la compatibilità degli iscritti (paganti) in base a dei controlli basati sull’astrologia, data di nascita, religione e cose di questo genere.
Dopo lo studio, l’agenzia effettua la scelta e la comunicano alle famiglie interessate.

I 2 ragazzi selezionati così si incontrano e se il primo appuntamento va bene si dichiara l’inizio del rapporto. Dal giorno successivo all'”engagement”, entro i 6 mesi successivi, i due ragazzi si sposano.

Statisticamente sono rarissimi i casi in cui dalla data dell’engagement alla data del matrimonio le coppie scoppiano.
Ultimamente qualche coppia si forma in maniera moderna, ovvero tramite conoscenza senza agenzia, dove il ragazzo sceglie la ragazza e si frequentano, ma tali casi sono ancora rari e poco ben visti dalle famiglie.

Per la grandissima maggioranza dei casi i matrimoni continuano per tutta la vita, non si interrompono. Dato il grande successo che hanno queste agenzie, i ragazzi credono tuttora molto in questo tipo di approccio. Il mio collega difatti è certo che si sposerà entro 4 anni, ma ancora non conosce la sua dolce metà, ma non ha fretta visto i tempi corti di fidanzamento e la fiducia che ripone in questa tecnica che unisce scienza, religione e fede personale.