Ispirazioni metropolitane

Home » Posts tagged 'Italia – India'

Tag Archives: Italia – India

Italia – India #9

Ultimo post, almeno per ora, di questo format.

Parliamo sempre di una regione dell’India del Sud.
Quando si saluta una persona si usa la parola “Hi”; non si gesticola con la manina, non si usano baci ne abbracci, neanche in famiglia. Al massimo, come forma di rispetto verso i più grandi, si uniscono le mani e si china un po’ il capo ed il tronco; questo modo di fare  va comunque morendo.
Quando il mio amico torna dopo mesi o anni in patria, saluta i genitori con un “ciao” e cominciano a parlare come se nulla fosse, non ci sono momenti di contatto fisico. Solo da bambini ciò è “permesso”, quando si diventa grandi non si fa più.
Durante il compleanno non usano cantare la canzoncina Happy Birthday, sembra che non esista una canzone adatta da cantare durante l’anniversario del giorno di nascita.

Ecco alcuni dolci tipici da compleanno:

Barfy (latte, burro, zucchero, semola, mandorle)

20170213_111105

Soan Papdi (pistacchi, zucchero, ed altro ancora)

20170213_111109

Laddu (zucchero, farina di ceci, burro, semola, semi di melone)

20170213_111113

Alcuni di questi prodotti possono essere trovati anche in Italia 😉 I Laddu sono buonissimi!

Chiudo dicendovi che la cocacola è stata bandita, non può più essere venduta dai commercianti! Gli indiani ora possono tornare a bere bevande al gusto frutta prodotte in India.

Ciaoooo

Annunci

Italia – India #8

Parliamo sempre di una regione dell’India del Sud.
Parliamo di sesso. Gli uomini non hanno problemi a fare sesso da giovani. Le donne invece tendenzialmente cercano di resistere ed aspettare il matrimonio, che comunque come ormai saprete, non avviene in tarda età.
Prima le famiglie generavano tanti figli mentre ora si sono molto occidentalizzati e la media è di massimo 2 figli a famiglia anche se ora il governo “consiglia” di averne soltanto 1.
Ho chiesto al mio amico: ma a te piacciono donne al di fuori dell’India? Lui ha risposto “Si, le ragazze latine, quelle in carne, ma non vanno bene per sposare. Per sposare preferisco Indiane”.

Come si suol dire.. Mogli e buoi dei paesi tuoi.

Italia – India #7

Parliamo sempre di una regione dell’India del Sud.
Anzi andiamo nello specifico, parliamo di un Indiano del Sud. Quando andava all’università il mio amico abitava in campagna e l’uni era in città. Per arrivarci coi mezzi ci metteva 2 ore a viaggio.
Si alzava alle 5 per partire alle 6. Alle 5 faceva la prima colazione non ufficiale mangiando uno “snack”; alle 8, appena arrivato in città faceva la colazione seria (all’inglese, tutta salata con uova, piadine, pollo, ecc..)
completata da un dolce. Alle 10 terza colazione non ufficiale. Alle 13 pranzo! Come prima fase si pappava quello portato da casa, poi andava in mensa e faceva il secondo pranzo.
Ora in Italia ha sempre fame e la sera per cena mangia razioni doppie rispetto al pranzo italiano che porta in ufficio. Per farvi capire la mole di cibo che mangia.. 500g di gelato al pistacchio lo mangia in una botta sola.
Quando ci ha invitato a cena, eravamo in 5 di cui 4 italiani ed ha preparato 5 kg di riso e 5 kg di pollo.
Ah si, in India del Sud il cibo, dopo 24 che è stato cucinato viene buttato. Entro le 24 è ancora “legale” mangiarlo.

Italia – India #6

Parliamo sempre di India del Sud.
Le mucche sono davvero animali sacri. Durante le feste vengono venerate, festeggiate; nei paesini di campagna scorazzano ancora libere, vanno dove vogliono senza che nessuno le possa fermare!
In città invece no, in città si sono occidentalizzati e certe pratiche non vengono più permesse.

Nei paesini di campagna inoltre c’è un’usanza molto particolare dedicata ai viaggiatori. Al di fuori di ogni casa, nei giardini o nella campagna o vicino le strade sterrate di passaggio, vengono adibite delle panchine molto lunghe dove qualsiasi passante può fermarsi per ristorarsi, mangiare, riposare o addirittura fermarsi per dormire la notte. Non ci sono grossi confort ma è cmq qualcosa e per di più gratis. Dopo tutto il clima non è un problema, ci sono sempre dai 25° in su e se ti vuoi fermare a dormire senza spendere e vi trovate in India del sud ora sapete dove farlo… se non avete paura dei malviventi 🙂

Italia – India #5

In India il matrimonio nei tempi moderni dura 1 giorno intero circa (prima eran 3). Si parte la sera con la cena, si procede poi con la colazione ed infine si chiude col pranzo.

Durante le 3 fasi, cadenzate dai pasti, vengono svolti svariati (ma molti molti eh) rituali.

Gli invitati di solito sono tra i 1000 ed i 1500 circa per la cena e poi si dimezzano per la colazione e il pranzo del giorno successivo dove sono presenti solo i parenti (la sorella del mio amico quando si è sposata aveva 1400 invitati di partenza di cui 600 parenti per le fasi 2 e 3). L’ora del matrimonio non è fissa ma è definita sempre dal famoso “calendario”;  può capitare che le coppie si sposino in qualsiasi ora del giorno o della notte (sempre alla sorella del mio amico è capitato alle 4 del mattino).

Il costo del matrimonio supera abbondantemente i nostri 50000 euro. A servire i vari pasti ora ci sono servizi di catering, ma anni fa erano le donne delle varie famiglie, che abitavano tutte nello stesso luogo, ad occuparsi di tale onere e quindi a dover cucinare per tutti gli invitati per tutti i giorni della festa.